Rugby

Pugliese presenta la stagione 2017-18 come atleta e come tecnico

Giuseppe Pugliese, neo responsabile del settore giovanile della ASD Rugby Club Gioia presenta la stagione del team regbistisco gioiese

Altri Sport
Gioia del colle sabato 07 ottobre 2017
di Francesco Pavone
Giuseppe Pugliese
Giuseppe Pugliese © n.c.

Quali a tuo giudizio, considerando la rosa granata e l’esperienza di crescita positiva dell’ultimo triennio, i traguardi raggiungibili dal Rugby Club Granata nella stagione 2017-18?

L’obiettivo prioritario 2017/2018 è di continuare il percorso di crescita del movimento di base del gioco del rugby. In particolare, nel solco della collaborazione triennale con l’Union Santeramo, gli atleti della seniores comporranno un'unica formazione iscritta al campionato regionale di serie C1. Il rugby club granata iscriverà una formazione al campionato under 14 pugliese, anche essa in collaborazione con il rugby union Santeramo, è proverà a lanciare un settore femminile di rugby.

Cosa può dare Giuseppe Pugliese, sia da atleta che da responsabile del settore giovanile ?

A livello personale ritengo sia una stagione emozionante che mi permetterà di crescere ancora di piu, data la partecipazione per la prima volta nel campionato di serie c1,inoltre vorrei ampliare le mie conoscenze da tecnico dato la mia buona volontà di far conoscere questo sport hai più giovani

Considerando il settore giovanile quanto è cresciuto in termini di qualità e quantità ?

L’obbiettivo di quest’anno è di incrementare il numero del settore giovanile e aumentando esso ci saranno più possibilità di crescita del movimento giovanile.

La cultura del rugby può rafforzarsia Gioia del Colle ?

La crescita del movimento, ovviamente dovrà essere sostenuta da noi seniores in primis, ma anche dalla possibilità di utilizzo e miglioramento delle infrastrutture comunali, visto che per anni abbiamo vissuto in esilio.

Potrebbero emergere altri talenti come Giuseppe Cuscito ?

Di talenti come Giuseppe Cuscito ne è pieno il nostro territorio, ma per poterli farli emergere abbiamo bisogno di continuità e tranquillità del nostro percorso di lavoro di crescita del movimento.

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette