Cronaca del match

Gara 1 è biancorossa: Alessano cede al tie-break

n una partita disputata a corrente alternata da entrambe le squadre, l’opposto biancorosso Marvin Prolingheuer e lo schiacciatore biancoblu Kaio Ribeiro hanno regalato spettacolo a suon di punti messi a segno

Volley
Gioia del colle lunedì 08 aprile 2019
di Gianluca Falcone
Gioiella
Gioiella © New Real Volley Gioia

Inizia con un successo il cammino della Gioiella G.d.C. nei Play-Off Serie A2 Credem Banca. La squadra del coach Sandro Passaro si aggiudica gara 1 degli ottavi di finale, superando al tie-break l’Aurispa Alessano del mister Paolo Tofoli.

In una partita disputata a corrente alternata da entrambe le squadre, l’opposto biancorosso Marvin Prolingheuer e lo schiacciatore biancoblu Kaio Ribeiro hanno regalato spettacolo a suon di punti messi a segno (28 sigilli per parte).

Con il vantaggio acquisito nella serie (1-0), la truppa Real punta a staccare il biglietto per i quarti già nel retour match di mercoledì prossimo, in programma al Palasport di Tricase.

SESTETTI DI PARTENZA – Coach Passaro schiera Kindgard in cabina di regia, Prolingheuer opposto, Radziuk e Sideri in zona 4, Sighinolfi e Catena centrali e, infine, Frigo e Marchetti a presidio del pacchetto arretrato.

Mister Tofoli si affida alla diagonale Leoni-Onwuelo, agli schiacciatori Kaio Ribeiro e Lucarelli, ai centrali Persoglia e Scardia e, per concludere, a Bruno nel ruolo di libero.

LA CRONACA – Si accende subito il match al PalaCapurso: alla prima sterzata biancorossa azionata da Radziuk (8-4) replica Onwuelo con il suo ottimo turno al servizio (8-7). La Gioiella riprende a macinare gioco e trova in capitan Kindgard l’artefice del nuovo break di vantaggio: il palleggiatore italo-argentino prima sbarra il passaggio a Lucarelli e poi serve a Sighinolfi la palla del momentaneo 15-12. La buona reazione di Alessano, guidata da Kaio Ribeiro (21-19 e 23-21, muro su Prolingheuer ed ace chirurgico in zona 6), non basta a riaprire i giochi e si infrange dinanzi all’astuto mani out di Sideri (24-21). Il primo game finisce 25-21 per il Real, decisivo l’errore in attacco di Onwuelo.

Al ritorno in campo è la premiata ditta Prolingheuer-Sighinolfi a suonare la carica nella metà campo gioiese: la truppa biancorossa travolge letteralmente gli ospiti, portandosi immediatamente sul punteggio di 12-4. Dall’altra parte della rete, gli uomini del mister Tofoli non sembrano lanciare segnali di ripresa (21-10, sassata vincente di Radziuk) sino al nuovo exploit di Kaio Ribeiro che, con caparbietà, prova a sgretolare il distacco dai padroni di casa (23-20, muro di Scardia su Sideri). Le velleità di rimonta avversarie, però, si spengono ancora una volta al cospetto di Prolingheuer, protagonista di una diagonale al veleno che non lascia scampo alla retroguardia biancoblu (25-21).

Nel terzo set la reazione dell’Aurispa coglie di sorpresa capitan Kindgard e soci (10-13): Kaio Ribeiro si rivela un’autentica furia da posto 4 (13-17, ace di Leoni). Umek (subentrato ad Onwuelo nel secondo parziale) respinge puntualmente le offensive biancorosse, trascinando i suoi sul 18-21. La Gioiella non riesce più ad invertire la rotta e si arrende all’ennesimo colpo messo a segno da Kaio Ribeiro (21-25).
Alla ripresa delle ostilità, Umek si conferma inarrestabile e gela nuovamente il PalaCapurso (6-9). Con grande fatica, gli uomini del coach Passaro riescono a rimanere sulle tracce avversarie e, grazie ad uno scatto improvviso del duo Radziuk-Kindgard, agguantano la parità (15-15). La battaglia prosegue con continui ribaltoni e cambi di fronte sino al 23-23, quando il solito Kaio Ribeiro realizza i sigilli finali che riaprono la sfida (23-25).

Nel quinto game, va in scena la rabbiosa replica Real: la chiusura di Kindgard su Umek regala al pubblico biancorosso il momentaneo 9-4. La Gioiella non si ferma più e continua a fare la differenza a muro con Usai (12-6). L’ultimo errore in fase di ricostruzione dei salentini fa calare il sipario su gara 1 (15-8) e sblocca la serie in favore dei biancorossi che, già da mercoledì prossimo, proveranno a strappare la qualificazione.

Lascia il tuo commento
commenti