Cronaca del match

Gioiella: missione compiuta, ai quarti c'è la Kemas Lamipel Santa Croce

Missione compiuta. Fra le mura amiche del PalaCapurso, la Gioiella G.d.C. ottiene il pass per i quarti di finale dei Play Off Serie A2 Credem Banca, battendo l’Aurispa Alessano di coach Paolo Tofoli nella decisiva gara 3

Volley
Gioia del colle lunedì 15 aprile 2019
di Gianluca Falcone
Gioiella
Gioiella © New Real Volley Gioia

Missione compiuta. Fra le mura amiche del PalaCapurso, la Gioiella G.d.C. ottiene il pass per i quarti di finale dei Play Off Serie A2 Credem Banca, battendo l’Aurispa Alessano di coach Paolo Tofoli nella decisiva gara 3.
L’affermazione odierna, maturata in tre set (25-18, 25-19, 25-16), proietta così il collettivo biancorosso al turno successivo contro la Kemas Lamipel Santa Croce dell’ex Michele Grassano.
Sarà sicuramente una sfida dalle mille emozioni, che avrà inizio giovedì 18 aprile, ore 20:30, all’ombra del castello federiciano.

SESTETTI DI PARTENZA – La Gioiella scende in campo con Kindgard in cabina di regia, Prolingheuer in posto 2, Radziuk e Sideri di banda, Sighinolfi e Catena centrali e, infine, con Frigo nel ruolo di libero.
L’Aurispa si affida alla diagonale Leoni-Onwuelo, agli schiacciatori Kaio Ribeiro e Lucarelli, ai centrali Tomassetti e Persoglia e, per concludere, al libero Bruno.

LA CRONACA – La Gioiella parte subito forte: incisiva al servizio ed efficace in fase offensiva, la squadra del coach Passaro si porta sul 15-10 grazie alla sassata in diagonale scagliata da Radziuk. Tra le fila avversarie, Onwuelo prova ad opporsi all’avanzata biancorossa (20-15) ma nulla può dinanzi alla vena realizzativa di Prolingheuer (21-15) e alla bravura a muro di capitan Kindgard (22-15, chiusura su Kaio Ribeiro). Il primo game si conclude sul definitivo 25-18, decisivo ancora una volta il gigante di Munster.
La reazione salentina non si fa attendere: il break firmato da Lucarelli lancia l’Aurispa al comando delle operazioni nel secondo game (9-11). La supremazia biancoblu, però, dura poco. Radziuk si carica la squadra sulle spalle e, con colpi di pregevole fattura tecnica, guida la riscossa Real (15-15). La firma sull’allungo biancorosso l’appone Catena, determinante come sempre a muro (18-16). Giunti nella fase clou del parziale, l’Aurispa colleziona una serie di errori in attacco (21-17), capitan Kindgard e compagni ne approfittano e volano sul 23-19 (conclusione vincente di Sideri). Non accade più nulla: la gemma al servizio di Margutti (24-19) e la staffilata out di Onwuelo (25-19) fanno calare il sipario sulla seconda frazione di gioco.

Alla ripresa delle ostilità, la Gioiella torna a fare la voce grossa in mezzo al campo, trascinata ancora da un Radziuk superlativo (13-9). I biancorossi non arrestano il loro incedere impetuoso, per due volte consecutive bloccano a muro Lucarelli (16-10) e scappano via senza esitazioni (18-11). L’Aurispa accusa il colpo e non trova più le forze per intentare una rimonta. L’ace di Meringolo (23-15), il muro di Kindgard su Drobnic (24-15) e l’errore in battuta di Umek (25-16) sono i titoli di coda di un match dominato dall’inizio alla fine, che premia gli uomini del coach Passaro con la prossima serie in programma contro la Kemas Lamipel Santa Croce.

Lascia il tuo commento
commenti