La cronaca del match

La Nava Pall Gioia riabbraccia la serie C

Il team biancazzurro dopo una odissea di partite lunga 32 puntate, fra regular season e play off, approda alla sua Itaca pallavolistica, la serie C, in maniera decisa e meritata

Volley
Gioia del colle sabato 08 giugno 2019
di Francesco Pavone
La Nava Pall Gioia riabbraccia la serie C
La Nava Pall Gioia riabbraccia la serie C © n.c.

La Nava Pall Gioia approda in serie C. o meglio vi ritorna dopo una breve assenza durata poco meno di un biennio solare. La compagine diretta tecnicamente da coach Marco Girolamo dopo aver dovuto lasciar strada al Mesagne nella fase 1 dei play offha centrato l’obiettivo del passaggio dalla serie D alla C superando, in fase 3 dei play off, anche in questa circostanza utilizzando tutte e tre le gare possibili, il Volley Alezio.

Nel confronto diretto con il sestetto picciuttaro (identificativo della squadra di Alezio come il nome dei suoi abitanti) dopo aver esordito in maniera vincente (3-1) in gara 1 in casa ha dovuto osservare un turno di “riposo forzato” dal successo data la sconfitta in Salento per 3-0 ed infine, ancora per 3-1, ha vinto gara 3 approdando in serie C. Ed è proprio la gara 3 che sarà il focus del nostro narrare.

L’avvio è di marca gioiese, 4-0( Laterza da posto 2). L’Alezio si ricalibra e risale fino al -1 (4-5 Talà da posto 4) ma non può contenere la determinazione e la lucidità esecutiva di ogni fondamentale del Gioia. Infatti il sestetto gioiese si porta sul 10-4 (Faienza rapido a chiudere da posto 3 eludendo il tentativo di murata di Pirri).

Il vantaggio gioiese non è più scalfito e con il + 6 (25-19 si chiude il set con un attacco di Laterza da posto 2).

Nel 2° set nonostante una buona partenza gioiese che frutta il 9-6 (Netti da posto 4 con diagonale in posto 5 salentino) vi è un ritorno del team “piccuittaro” che realizza un break point pesante con 6 servizi dello schiacciatore Sirsi che produce la giusta reazione ospite che fa girare il punteggioperTalà e compagni dal 9-11 al 15-11. La Nava Gioia incassa questo break ma mantiene la presenza in gara con lucidità e determinazione, soprattutto al servizio , in difesa ed in attacco, e risale fino al 23-23 (Nitti da posto 4). Ha l’opportunita, andata sul 24-23 con un attacco vincente di Laterza, ma non chiude con Nitti l’attacco del 25-23 in quanto il libero ospite Gavioli si produce in una difesa estrema che il palleggiatore Torsello trasforma in una opportunità d’attacco per Sirsi che non sbaglia e realizza il 24-24. I successivi vantaggi sono un inno alla fibrillazione cardiaca dei sostenitori presenti sugli spalti del Pala Capurso. I vantaggi sono chiusi a vantaggio della Nava Pall Gioia sul 28-26 ancora con attacco pesante di Laterza che apre, da posto 2, il muro tentato da Sirsi e Solida.

Il 3° set, sin dall’avvio manifesta un orientamento pro Alezio che va sul 9-4 (Muro di Talà) e prosegue, con il sestetto gioiese in crisi di identità,andando sul 19-12 (attacco di Sirsi da posto 4), tenendo un tentativo di rientro gioiese (tre aces di Tria che portano dal 21-14 al 21-17) e chiudendo il tutto sul 25-17 con Cavalera

(lungo linea 2 su 5) e riaprendo la partita.

Nel 4° set l’avvio è in perfetto equilibrio dallo 0-0 al 9-9 (muro di del capitano gioiese Tagarelli su Cavalera). Da questa parità il Gioia produce un break di 3-0 (2 aces di Laterza) andando sul 12-9. L’Alezio non molla e rientra in partita sul 21-21 (Bellisario da posto 4). Il pari appena raggiunto si dissipa di fronte al rush gioiese che , con Nitti (22-21 da posto 4), Laterza (23-21 block out con attacco da posto 1) e De Simone (24-21 da posto 3), si porta ad un punto dalla cjhiusura del match. Ma così non sarà in quanto l’Alezio non molla ed è “aiutato” nel suo intento dal Gioia (2 errori di attacco) che lo porta al 24-24 (chiuso da Solida da posto 3).

I vantaggi ancora gli extra –point decidono il set- Arriva il 25-24 gioiese con Laterza imprendibile da posto 1 e soprattutto l’errore inatteso del centrale ospite Solida che porta al 26-24 ed al successo gioiese per 3-1. E’ l’apoteosi con la serieC che diventa realtà.

Lascia il tuo commento
commenti